Le castagne di Fontanarossa

Categoria: Le castagne
Pubblicato Martedì, 03 Giugno 2014 20:41
Scritto da Super User
Visite: 1651

Anche se a prima vista le castagne possono sembrare tutte uguali, ne esistono di molte varietà. Quelle che troverete qui elencate sono quelle che si raccolgono a Fontanarossa (purtroppo per il momento non abbiamo immagini per ogni varietà, ma rimedieremo appena possibile).

Castagna temporia

Temporia :


E' la varietà migliore e si presta ad ogni utilizzo.




Franzigliunna


Franzigliunna :

E' una castagna adatta per le pelate e per le caldarroste.



Ciapparinna


Ciapparinna :


Castagna buona per fare le caldarroste.



Gentì :
Varietà adatta per le pelate e le caldarroste.

Magliunna, mora, pelosa :
Queste sono varietà più scadenti e vengono raccolte per essere essiccate.


Conservazione : Una volta che le castagne sono state raccolte è bene farle asciugare allargandole sopra una tavola di legno; comunque vanno consumate entro breve tempo perchè deperiscono facilmente.
Alcuni congelano i frutti in freezer; se si prevede di fare caldarroste incidere la buccia prima di congelarle.
Un ottimo mezzo per conservare le castagne è quello della novena; questa pratica consiste nel mettere i frutti in un recipiente pieno d'acqua a temperatura ambiente. Il primo giorno bisogna rivoltare spesso le castagne per fare venire a galla gli esemplari bacati (che col tempo diventano addirittura tossici), senza mai cambiare l'acqua. La conservazione è resa possibile da una leggera fermentazione lattica che si instaura nell'acqua, acidificando di poco i frutti ma in compenso mantenendoli turgidi come il primo giorno di raccolta. Passati i nove giorni sciacquare e asciugare le castagne solo su piani di legno, non debbono assolutamente toccare il metallo. Per sapere se la fermentazione è andata a buon fine lasciare cadere i frutti uno sopra l'altro: il suono che emettono deve essere come quello di un tamburello. Dopo la novena tenere le castagne al fresco per 2 o 3 settimane in sacchetti di iuta, oppure congelarle in freezer (se si prevede di arrostirle fare un'incisione sulla buccia).